via dei castelli

La Via dei Castelli

Un emozionante tour attraverso il territorio del marchesato alla scoperta dei castelli e dei reperti testimonianza dell’antico splendore di queste terre.

 

Il Castello di Crotone, comunemente chiamato Castello di Carlo V, nasce come una rudimentale fortezza sull'antica Acropoli greca per difendere il territorio dalle invasioni straniere. Nel corso degli anni successive dominazioni apportarono modifiche per migliorarne la difesa, ma la costruzione attuale è opera degli Spagnoli con il Vicerè Don Pedro di Toledo e con l'architetto Gian Giacomo dell'Acaia, che ne fecero una delle più possenti fortezze militari d'Italia. Si entrava nel Castello dall'attuale Piazza Castello grazie ad un ponte in parte fisso in muratura ed in parte levatoio in legno. La porta principale era inserita in una terrazza a forma di piramide tronca che dominava le cortine tra le due torri d'entrata, il ponte ed il fossato.

 

Il Museo Archeologico Nazionale di Crotone è il museo tra i più importanti della Calabria per il gran numero di materiali esposti e per il loro valore storico e artistico. I reperti esposti vanno dall’età preistorica all’età del ferro, età greca e medioevo. Tra i reperti di rilievo sono quelli del santuario di Hera Lacinia e del suo tesoro in oro e bronzo; tra questi il Diadema Aureo e la misteriosa barchetta nuragica in bronzo. Inaugurato nel 1968, raccoglie materiali provenienti dall’ex museo civico.

 

Costruito su uno sperone di roccia il Castello di Caccuri ha origine medioevale, edificato probabilmente nel VI sec. d.C. dai Bizantini come presidio di difesa a guardia della valle del fiume Neto; nei secoli successivi il Castello perse la funzione militare e divenne residenza nobiliare di famiglie prestigiose (Ruffo, Cavalcanti, Barracco). Il Castello ha una struttura dall’andamento articolato, di forma trapezoidale, circoscritta dalla cortina muraria che lo separa dall’abitato e nella quale, ad oriente, si apre l’ingresso con ponte levatoio. Sul lato opposto gli imponenti muraglioni convergono sull’unica torre, conferendo al castello la sua sagoma unica ed inconfondibile. Dallo splendido giardino pensile e dalla torre si ammira un panorama mozzafiato su tutto il Marchesato, con il mare all’orizzonte.